corriere.it – 13 agosto 2013

Visioni dell’aldilà, ecco perché avvengono

Viaggi nell'aldilà. Neuroni

I cosiddetti “viaggi nell’aldilà” vissuti da alcuni sopravvissuti all’infarto (circa il 20%) hanno una spiegazione scientifica: sono dovuti all’attività elettrica del cervello, che continua ad essere molto ben organizzata anche nei primissimi istanti dopo la morte clinica. È quanto affermano alcuni ricercatori dell’Università del Michigan in uno studio pubblicato sulla rivista dell’Accademia delle scienze americana, Pnas. […]

È la prima volta che viene indagata la condizione neurofisiologica del cervello immediatamente dopo l’arresto cardiaco. Una persona è definita clinicamente morta quando il suo cuore smette di battere, ed è questo il momento in cui molti dei pazienti sopravvissuti raccontano di aver percepito una luce in fondo al tunnel o di aver rivisto la propria vita scorrergli davanti. […]

Articolo integrale: link

Fonte foto: gerard79 – sxc.hu

Comments

comments

banner_algordanza_206x120